La rivoluzione del ritiro: cosa succede realmente ai nostri vestiti?

La rivoluzione del ritiro: cosa succede realmente ai nostri vestiti?
de Félix Bassant
La realtà dei nostri programmi di ritiro è che gli abiti donati spesso finiscono per essere spediti all'estero, finiti in discarica o per travolgere l'industria della moda locale. Je programmi di ritiro della moda sembrano offrire un'alternativa senza sensi di colpa allo scarico di vestiti in discarica. Ma dietro la facciata lucida del riciclaggio e del riutilizzo dei nostri oggetti indesiderati, viene rivelata la brutale realtà di ciò che accade realmente ai nostri vestiti. In questo articolo, Aequem spiega quanto possono essere dannosi i programmi di ritiro degli indumenti e cosa possiamo fare per cambiarli.

La rivoluzione del ritiro: cosa succede realmente ai nostri vestiti?

Per decenni, l'industria della moda ha approfittato del suo utilizzo di un modello di economia lineare. Realizzando abiti senza un piano di fine vita in mente, la maggior parte degli indumenti viene semplicemente gettata via una volta consumati o non in stile. Ma con la concorrenza nel settore ai massimi storici, i marchi di moda sono alla disperata ricerca di alternative che li distinguano.
Je programmi di ritiro degli indumenti sono una di quest alternative. Da quando sono esplose sulla scena, la loro popolarità è aumentata alle stelle, con marchi di moda di tutte le taglie che offrono la loro versione. Con alcuni marchi che forniscono un servizio in cui i loro prodotti possono essere riparati e rivenduti, offrendo ai clienti un articolo come nuovo a un prezzo più commodee, sembra che ci siano pochi svantaggi per i clienti. Allo stesso modo, i più grandi marchi di fast fashion si sono uniti alla festa, con i loro sistemi di raccolta di indumenti che premiano le persone con un buono quando consegnano vestiti indesiderati in negozio. Ma cosa succede realmente ai nostri vestiti quando li doniamo a programmi di ritiro? Forse non sorprende che la realtà sia più complessa e dannosa di quanto siamo portati a credere.

Scoprire la vérité

En superficie, questi programmi di ritiro dei vestiti sono una soluzione ottimistica e priva di sensi di colpa a uno dei problemi più difficili della moda: cosa fare con i vestiti alla fine della loro vita. I clienti si assicurano che i loro articoli non finiscano in discarica e siano spesso ricompensati finanziariamente per i loro sforzi, mentre le aziende possono apparire più sostenibili grazie al loro apparent riciclaggio e riutilizzo dei loro vecchi Guarda sotto la superficie, tuttavia, e questo cieco ottimismo è meno convaincantnte.
L'abbigliamento donato con usura e danni limitati est l'ideale in quanto significa che questi articoli possono essere riutilizzati così come sono, oppur riparati e ricondizionati. Per la maggior parte dei vestiti, tuttavia, la loro usura significa che vengono inviati agli impianti di riciclaggio per essere puliti e sminuzzati, prima di essere ritagliati in abiti nuovi pronti per la vendita. Ma questo processo di riciclaggio meccanico è stato aggiornato a malapena in 200 anni, il che significa che le fiber triturate sono di qualità lowere, il che significa filati più pesanti e meno interesse commerciale.
Esacerbati dall'afflusso di donazioni dovuto alla crescente popolarità dei programmi di ritiro degli indumenti, i centri di riciclaggio non sono ora in grado di soddisfare la domanda. Con le aziende in grado di raggiungere la sostenibilità finanziaria solo riciclando le loro donazioni di alto valore, gli articoli di qualità più bassa vengono rifiutati e invece affidati a terzi. Spediti nei paesi africani, questi indumenti indesiderati vengono lasciati fuori dal sistema stesso che la maggior parte delle persone crede di sostenere.
Un risultato nascosto
Ma, mentre queste donazioni può significare vestiti sono fuori dalla vista e la mente per i marchi, i loro 'contributi' impediscono le imprese locali in via di sviluppo, inondando le nazioni con i vestiti a prezzi che l'industria localequamente sottos. Montagne letterali di vestiti di seconda mano ora travolgono molte nazioni africane. La Tunisie, la nazione più a nord dell'Africa, ha ricevuto 170.000 tonnellate di donazioni di vestiti nel solo 2016, il che significa che le importazioni di seconda mano ora rappresentano la metà delle vendite di abbigliamento del paese.
Non solo questi vestiti sono pericolosi per la salute inquinando l'ambiente locale, ma la mancanza di strutture di riciclaggio disponibili significa che questi articoli di bassa qualità finiscono in discarica in un modo o nell'altro. En vérité, je programmi di ritiro ampliano il processo di smaltimento dei rifiuti piuttosto che prevenirlo.
Photo de Joshua Ganyobi Odamtten
Questo processo dannoso è aggravato dalle motivazioni finanziarie semper più coinvolte nei programmi di ritiro della moda. Le aziende offrono buoni perché hanno trovato difficile motivare le persone a donare oggetti senza una ricompensa finanziaria. E significa che questi programmi di ritiro ora agiscono più come uno strumento di marketing che come un metodo di sostenibilità.
Inizialmente sono stati avviati i ritiri di abbigliamento per contrastare l'enorme problema del consumo eccessivo nel settore della moda e per impedire che i vestiti entrassero nelle discariche. Ma con i programmi di voucher coinvolti, i ritiri sono un incentivo per i clienti ad acquistare di più dalle aziende. Je ritiri ora perpetuano il consumo eccessivo per cui sono stati creati per fermare perché sono stati utilizzati in modo improprio dai marchi come opportunità di marketing per fidelizzare i clienti. Continueranno ad esistere finché le persone continueranno a utilizzare i buoni per acquistare più vestiti che sostituiscono i vestiti non amati che hanno donato.
Cosa possiamo tarif par aiutare?
È difficile dare tutta la colpa ai clienti. La vastità delle opzioni di fine vita disponibili può rendere la decisione di quale sia esattamente l'opzione più vantaggiosa dal punto di vista ambientale confusa e quasi impossible senza una ricerca che richiede tempo. E il tempo è ciò che la maggior parte delle persone non ha: vogliono qualcosa di veloce e commodee, il che significa che i loro beni indesiderati vengono messi a frutto.
Ma questo non lascia i clienti fuori dai guai.
Le persone hanno il potere immediato di modificare i propri comportamenti di consumo. Per contrastare il consumo eccessivo di prodotti di bassa qualità richiesto da questi schemi di buoni di ritiro, i clienti possono scegliere di non incassare questi buoni, ma invece dovrebbero prendersi il tempo per istruirsi, essendo più atliatenti e consabapeti . Le persone dovrebbero semper scegliere opzioni di abbigliamento etico, principalmente articoli riciclati e riciclati. Gli abiti riciclati riducono enormemente gli sprechi dando ai materiali esistenti una seconda possibilità.
Dovremmo anche comprare di meno ma comprare meglio. Più le persone acquistano, meno ci sarà da donare per i programmi di ritiro in futuro. Ma, ovviamente, ci sarà un momento in cui dovremo acquistare qualcosa di nuovo. Quando arriverà quel momento, opta per abiti riciclati di origine etica. Prima lo facciamo, prima possiamo aiutare non solo il nostro pianeta, ma le persone che sono vittime del nostro consumo eccessivo.
È qui che entra in gioco Aequem. Essendo la plus grande piattaforma di moda sostenibile, Aequem offre ai clienti la tranquillità che ogni articolo disponibile ha superato criteri rigorosi per essere presentato sul site. Al sicuro dal greenwashing et dalla richiesta di un consumo eccessivo, Aequem offre la migliore selezione di vestiti riciclati di alta qualità. Je nostri vestiti riciclati rimangono eleganti ben oltre le tendenze del fast fashion ed è certo che avranno un minore impatto ambientale.
Acquista la nostra selezione di indumenti riciclati per dare ai materiali una seconda vita:
Da sinistra a destra :
Abito Ivalo (£ 90) de Vildnis
Jeans con toppe a vita alta riciclati (£ 80) en fanfare
Abito in pile a strati in cotone riciclato e poliestere (£ 95) de Noacode
Da sinistra a destra :
Haut de maillot de bain Triangle Elegance Océan Indien (£ 56) par Aima Dora
Costume da bagno Sorphea (£ 55) par Ruby Moon
Maillot de bain Mazie en rouge (£ 88) de Stidston
Cerchi altri contenuti sostenibili da leggere?
Dai un'occhiata al nostro 10 Donne Alla Guida Del Movimento Della Moda Sostenibile pubblica ora. 
Non c'è posto migliore di Aequem per tutte le cose (veramente) sostenibili. Ami le cose belle ma vuoi essere più consapevole? Anche noi ! Questo è il motivation per cui abbiamo creato Aequem in primo luogo.
Se vuoi rimanere informato, essere il primo a conoscere le offerte speciali e avere accesso diretto ai migliori prodotti sostenibili controllati e curati da tutto il mondo, iscriviti alla nostra newsletter settimanale tramite il piè di pagina qui sotto.
PS Disponiamo solo di prodotti sostenibili sia dal punto di vista sociale che ambientale, così puoi fare acquisti in tutta tranquillità! Je nostri imballaggi sono riciclati e / o riciclabili e piantiamo anche 10 alberi ad ogni acquisto!
Connettiamoci :

En savoir plus

10 Donne Alla Guida Del Movimento Della Moda Sostenibile

10 Donne Alla Guida Del Movimento Della Moda Sostenibile

How to Improve Your well-being and immunity with Ayurveda-Aequem.com

Comment améliorer votre bien-être et votre immunité avec l'Ayurveda

10 femmes à la tête du mouvement de la mode durable!

10 femmes à la tête du mouvement de la mode durable !

Commentaires

Soyez le premier à commenter.
Tous les commentaires sont modérés avant d'être publiés.